Skip to main content

Spaghetti di farro integrale con verdure all’orientale
2 Persone
1h30
Difficoltà

INGREDIENTI

• 160 g spaghetti di farro integrale

• 20 g zenzero

• 40 g miso (da regolare a proprio piacimento)

• 1 carota piccola

• 1 cipollotto

• 1 spicchio di aglio

• 1 rapa rossa piccola

• 1 costa di sedano

• 1 rapa bianca o daikon

• 2 taccole o fagiolini

• 30 g alga dulse

• 10 g fecola di patate o amido di riso 

Crema di senape (facoltativo)

pacco spaghetti farro integrale

Procedimento

Mettiamo in una pentola circa 500 ml di acqua, aggiungiamo il miso (si può intensificare o diluire a piacimento personale) e poi aggiungiamo lo zenzero a pezzi grandi. Se piace si può aggiungere anche del peperoncino, è sufficiente mezzo baccello di peperoncino fresco, quando l’acqua arriva a bollore, spegniamo.

A parte versiamo 10 g di fecola o amido in 10-20 ml di acqua fredda, continuando a frustare, per poi aggiungerlo al brodo di miso, per addensarlo.

Le verdure vanno lavate, pelate e tagliate a losanghe o a cubetti. Una varietà alla volta vanno scottate in padella (la rapa per ultima). Una volta cotte al dante, le mettiamo in acqua e ghiaccio per mantenerne i colori brillanti. Le scoliamo, asciughiamo e condiamo con sale e olio.

Buttiamo la pasta in abbondante acqua salata, nel frattempo spennelliamo il piatto con crema di senape, aggiungiamo gli spaghetti e disponiamo le verdure sul piatto, guarniamo con la rapa bianca (o daikon). Annaffiamo infine con il brodo ancora caldo.

Abbinamento ricetta

Per questa pasta abbiamo spinto il sapore già intenso con una preparazione dalle tendenze dolci, aromatico speziate e piccanti date dalla rapa rossa e bianca e dalle altre verdure come carote e cipollotto, amplificato la sapidità e i profumi con miso, alghe e zenzero. Un piatto dal tocco orientale, influenzati dal Giappone con cui abbiamo rapporti commerciali e di amicizia da molti anni.

Abbinamento vino marchigiano

Lacrima di Morro d’Alba Bio
Un vino aromatico con profumi di sottobosco, violette di fosso e visciole. Caratterizzato da tannini levigati e sapore amaricante, a richiamare la preparazione fatta con miso e alghe.

A cura di Otello Renzi

Close Menu